Menu Liti-link AG logo
COINVOLTE LE CASSE PENSIONI

Le retrocessioni e l’obbligo legale di rivendicazione da parte degli organi delle Casse pensioni

In passato, molte banche svizzere e altri gestori patrimoniali hanno trattenuto indebitamente una quantità di retrocessioni pari a un valore miliardario. Tale denaro spetta ai clienti che, tuttavia, spesso non sono a conoscenza dei loro diritti finanziari.

Il Tribunale federale lancia di nuovo un richiamo alle banche.
K-Tipp 13/17 del 23.8.2017

La sentenza emessa solamente in data 16 giugno 2017 (4A_508/2016) dal Tribunale federale svizzero chiarisce definitivamente la questione ampiamente dibattuta circa la prescrizione delle retrocessioni. I clienti possono richiedere retroattivamente presso il fornitore di servizi finanziari coinvolto le retrocessioni risalenti a 10 anni prima e il cui termine di prescrizione inizia con la registrazione della retrocessione presso suddetto fornitore.

Ad esserne colpite, oltre ai numerosi investitori privati in possesso di contratti di gestione patrimoniali, sono anche le Casse pensioni. Nel 2012 esse gestivano circa 650 miliardi di franchi (senza assicurazioni).
K-Tipp 13/17 del 23.8.2017

Perché la questione riguarda gli organi delle Casse pensioni?

Gli organi delle Casse pensioni sono soggetti all’obbligo legale e fiduciario di diligenza e devono tutelare nel miglior modo possibile gli interessi della Cassa pensioni e del soggetto assicurato (Art. 51b Abs. 2 BVG). È necessario dunque rivendicare eventuali somme patrimoniali sottratte indebitamente alla Cassa pensioni, non da ultime anche le retrocessioni trattenute dai fornitori di servizi finanziari. Un’eventuale omissione da parte degli organi delle Casse pensioni circa il chiarimento e il recupero delle retrocessioni può rappresentare una violazione dell’obbligo di diligenza. Gli organi sono personalmente responsabili (Art. 52 BVG) e potrebbero essere punibili di amministrazione infedele (Art. 158 StGB).

Secondo le stime il diritto finanziario alle retrocessioni spettante alle Casse ammontava a un valore annuo di circa 1 miliardo nel 2012.
K-Tipp 13/17 del 23.8.2017

Perché la Cassa pensioni svizzera dovrebbe collaborare con Liti-Link?

  • Il rischio finanziario di un’eventuale azione giudiziaria è esclusivamente a carico della Liti-Link.
  • Risulta necessario corrispondere a Liti-Link una partecipazione agli utili solamente quando il credito è stato riscosso con successo; essa è determinata dall’importo del credito recuperato.
  • Liti-Link si occupa di tutte le fasi per voi e vi informa passo a passo rispetto all’avanzamento della procedura.
  • Liti-Link è indipendente e può rivendicare nel miglior modo possibile le retrocessioni che spettano alla Cassa pensioni nell’interesse dei suoi membri, senza mettere a repentaglio i rapporti commerciali in essere con la banca.
  • Nessun rischio di spese.
Siamo a vostra disposizione per un colloquio di consulenza e troviamo sempre una soluzione personalizzata.
Per scaricare l’articolo «Il Tribunale federale lancia di nuovo un richiamo alle banche» - della pubblicazione di K-Tipp 13/17 del 23.8.2017 cliccare qui.